SLT | Sport Latina | Us Latina Calcio | Serie B | Top Volley | Latina Basket | Latina Calcio a 5 & more...

A+ A A-

Bene per tre quarti, condannati dai rimbalzi e dai liberi

foto: twitter.com/LatinaBasket foto: twitter.com/LatinaBasket

Una partita molto ben giocata per i primi 25 minuti e con due importanti reazioni nelle due seconde frazioni: non è bastato questo alla Latina Basket per strappare la vittoria ad Agrigento (risultato finale: 73-64). Un primo quarto pimpante e con gli attacchi che l'han fatta da padrona, nel resto dell'incontro difese più serrate e percentuali basse: i pontini hanno tirato col 37.5% dal campo (24/64), poco meglio i siciliani col 40% (24/60).

I rimbalzi sono stati ancora una volta la chiave in negativo per i nerazzurri: 45-31 il computo totale in favore dei padroni di casa, capaci di strappare ben 14 rimbalzi offensivi contro i 9 latinensi. Nonostante il conto, Latina è riuscita a prendere più tiri dal campo ma la differenza, in ultima istanza, è stata determinata dai viaggi in lunetta: 21/24 Agrigento, 10/11 Latina.

Coach Franco Gramenzi non ha mancato di sottolineare questo aspetto emerso nel match: «Il conteggio dei liberi 24-11 in favore di Agrigento, è pesantissimo. È chiaro che anche noi abbiamo sbagliato qualche conclusione di troppo nella seconda parte del match, ma il numero dei tiri liberi pesa notevolmente su una partita del genere, dove si è cercato di difendere tanto. Ovviamente da non sottovalutare il merito dell’avversario che l’ha saputo fare. [...] Dobbiamo lavorare tantissimo sulla gestione della pressione dell’avversario nei momenti importanti delle partite».

L'allenatore getta poi uno sguardo al momento generale della sua squadra in questo inizio di campionato: «È ancora presto per fare pronostici, occorreranno almeno otto partite per poter valutare la classifica e il valore delle singole squadre e capire quali potranno essere le formazioni che potranno entrare nel discorso playoff. Per quanto ci riguarda, diciamo che viviamo alla giornata, guardiamo poco agli altri, ma abbiamo ben chiaro l'obiettivo di migliorare i nostri ragazzi per provare a conquistare la permanenza in questa categoria senza dover passare dai playout. Quest'anno è durissima, il campionato è decisamente molto equilibrato e sarà una stagione ardua per tutti. Nel dettaglio, abbiamo giocato tre buone gare esterne e una partita meno brillante proprio sul parquet del PalaBianchini, quindi non guardiamo molto al fatto di giocare in casa o fuori, ma la meta da raggiungere, ossia il miglioramento».

Pur nella sconfitta, la Benacquista torna a casa consapevole di aver offerto una buona prova a livello di gruppo. Tutti i singoli hanno dato qualcosa di importante in un momento o nell'altro dell'incontro. Chi più, chi meno: Andrea Pastore (-3 di valutazione in 20') è risultato meno incisivo rispetto alle scorse uscite mentre Jon Arledge (6 punti e 6 rimbalzi in 22') non è riuscito ad avere lo stesso impatto di Scafati: «Sicuramente il quarto e il quinto fallo commessi da Arledge hanno pesato molto sulla nostra partita», ha detto Gramenzi, «ma è pur vero che Bell-Holter questa sera ci ha letteralmente stracciato, abbiamo fatto molta fatica nel tentativo di contenerlo e con Arledge che è entrato meno nel ritmo partita rispetto alla scorsa settimana, la situazione è diventata ancora più difficile da gestire. Per quanto riguarda Mascolo, ha sicuramente fatto delle buone cose in campo, ma anche altre meno buone, per questo deve continuare a lavorare per migliorare. Ci vuole tempo, ma ha le giuste capacità per conquistare minuti di gioco sul parquet».

Ultima modifica il
Torna in alto

Entra or Registrati

Hai un profilo Facebook?

Usa il tuo account Facebook per entrare in SportLatina.

fb iconEntra con Facebook

ENTRA