Insigne è tornato Lorenzinho: il Napoli di Gattuso riparte da lui

Lorenzinho dove eravamo rimasti? Si torna a sentire odore di erba e di sfide e Lorenzo Insigne appare già pronto a scattare ai blocchi di partenza. Questi primi giorni di lavoro, seppur con allenamenti individuali, hanno permesso a Rino Gattuso e al suo staff di ammirare un capitano già scattante, reattivo e voglioso di sgobbare ad ogni seduta. Proprio il tipo di giocatore di cui avrebbe bisogno ogni allenatore. Le ripetute sui mille metri, effettuati come test la scorsa settimana, hanno visto Insigne prevalere con la migliore performance. E ora che si potrà lavorare con più intensità e in gruppo aumentano anche gli stimoli.

Lorenzo mai come in questo periodo è in sintonia con la città. Un anno fa si parlava di possibile divorzio, di mancanza di dialogo con Carlo Ancelotti, di pressioni dell’agente Mino Raiola. Oggi la situazione è molto cambiata. La solidarietà concreta e generosa di Insigne durante la pandemia ha dato la dimensione dell’uomo e lo ha avvicinato alla gente; il feeling con Gattuso è notevole e va più in fondo di una simpatia a pelle; mentre con Raiola è stato sancito un divorzio, che se vogliamo può essere inteso come segnale del giocatore di voler concludere a Napoli la sua carriera.

Fonte: Gazzetta.it

Autore dell'articolo: adminus